statistiche gratuite

Bago (Pegu)

Bago, originariamente denominata Pegu (*), è una città situata 65km a nord-est di Yangon (Birmania centro-meridionale). Vedi Mappa

(*) Hanthawaddy in lingua Pali significa letteralmente “La Città dell’Hantha”.

Hintha – traslitterazione di Hantha in lingua Birmana – è una creatura mitologica con le sembianze di un uccello acquatico (una via di mezza tra un’oca ed un cigno), simbolo della popolazione Mon. Hintha rappresenta tutt’oggi lo stemma che contraddistingue la Regione di Bago.

Con una popolazione di circa 285,000 persone, Bago è la quinta città più popolosa della Birmania (*)

(*) Rispettivamente dopo Yangon, Mandalay, Naypyidaw e Mawlamyine.

Da un punto di vista amministrativo, Bago è la capitale dell’omonima Regione. Quest’ultima è suddivisa in quattro Distretti: Bago, Pyay, Toungoo e Tharrawaddy.

La profezia del Buddha

Secondo la leggenda, quando Buddha arrivò nel luogo in cui sorge Bago, vide una coppia di Hintha sorvolare le acque del fiume, alla ricerca di un posto dove poter riposare.

Il maschio atterrò nell’unico punto disponibile, ma troppo piccolo per entrambi. La femmina allora si adagiò sul dorso del maschio.

Dopo aver assistito a questa scena, il Buddha profetizzò la fondazione di una città in quest’area.

Cenni Storici

Il Regno di Thaton

Pegu fu fondata nel 825 d.C. dalla popolazioni di etnia Mon del Regno di Thaton. Quest’ultimo fu costituito nel corso del IX secolo d.C., periodo in cui tali popolazioni migrarono dall’odierna Thailandia settentrionale nei territori dell Birmania centro-meridionale.

Il regno era sostanzialmente una sorta di città-stato, centrato sulla capitale Thaton, cittadina affacciata sul Golfo di Martaban (odierno Mottama, Stato Mon, Birmania meridionale)

Grazie ai rapporti commerciali con l’India e Ceylon (odierno Sri Lanka), il Regno di Thaton è considerato il primo centro Buddista del sud-est asiatico.

Il Regno di Bagan

Nel 1056, Manuha, sovrano del Regno Mon di Thaton, inviò alla corte di Anawrahta, sovrano del Regno di Bagan, un monaco buddista di nome Shin Arahan.

Estasiato dagli insegnamenti del monaco, Anawrahta si convertì al Buddismo Theravada.

Nel 1057 Anawratha chiese al sovrano del Regno di Thaton di consegnargli i testi sacri della dottrina Buddista (Tripitaka) ed alcune relique del Buddha.

A seguito del rifiuto di Mahuba, Anawrahta sferrò una imponente offensiva contro il Regno Mon, che fu sconfitto ed annesso al Regno di Bagan.

Anawratha tornò a Bagan con i testi sacri del Buddismo, alcuni reliquie del Buddha, i principali monaci di Thaton e numerosi artigiani (impiegati successivamente per la costruzione dei principali monumenti della capitale)

Durante questo periodo storico, le truppe del Primo Impero Birmano vanificarono vari tentativi d’invasione da parte del potente Impero Khmer, intenzionato ad espandere i propri domini territoriali nella regione del Tenasserim.

Mahuba (ovviamente) si rifiutò. Considerato un affronto personale, Anawrahta sferrò una imponente offensiva contro il Regno Mon, che fu sconfitto ed annesso al Regno di Bagan (creando di fatto il Primo Impero Birmano).

Anawratha tornò a Bagan con i testi sacri del Buddismo, alcuni reliquie del Buddha, i principali monaci di Thaton e numerosi artigiani (impiegati successivamente per la costruzione dei principali monumenti della capitale).

Regno di Hanthawaddy

Approfittando della caduta del Regno di Bagan (a causa delle ripetute invasioni da parte dell’Impero Mongolo di Kubilai Khan), il principe Wareru del Regno di Sukhothai s’insediò nei territori della Bassa Birmania.

Wareru fondò un regno denominato Regno di Ramanya, in onore della divinità indiana Rama.

Il regno fu inizialmente una sorta di stato-vassallo del Regno di Sukhothai.

Successivamente, le popolazioni di etnìa Mon ottennero l’indipendenza e costituirono una confederazione costituita da tre città-stato, stanziate a Pegu (odierna Bago), Martaban (odierna Mottama) e nel delta dell’Irrawaddy.

Re Razadarit (1384-1422), sovrano del Regno di Pegu, unificò i tre stati e costituì il Regno di Hanthawaddy (con capitale Pegu).

Dopo aver unificato le popolazione di etnia Mon, il sovrano si concentrò contro i rivali storici: i Birmani (etnìa Bamar) del Regno di Ava.

Nel corso del conflitto con i Birmani (definito dagli storici “La Guerra dei 40 anni”, dal 1385 al 1424), il Regno di Hanthawaddy sottomise il Regno di Arakan (odierno Stato Rakhine, Birmania Occidentale).

Dal 1420 al 1530 Hanthawaddy fu il più potente e prosperoso regno della Birmania.

Durante tale periodo, Pegu divenne un importante centro di scambi commerciali ed uno dei principali centri Buddisti del sud-est asiatico.

Il Regno di Toungoo (Secondo Impero Birmano)

Nel 1527, la Confederazione Shan conquistò e saccheggiò il Regno di Ava.

Gran parte della popolazione – di etnia Bamar – si trasferì nel piccolo Regno di Toungoo, situato 290km a sud-est di Bagan.

Nel 1530, Tabinshwehti, appena quattordicenne, fu proclamato sovrano del regno.

Tabinshwehti (1530-1550), fondatore della Dinastia Reale di Toungoo, e, soprattutto, il grande Bayinnaung (1554-1581) crearono il Secondo Impero Birmano (con capitale Pegu).

Quest’ultimo, considerato il più vasto impero del sud-est asiatico, si estendeva dal Regno di Manipur (odierna India orientale) al Regno di Lan Xang (con capitale Vientiane, odierno Laos), dallo Stato Shan di Mogaung (odierno Stato Kachin, Birmania settentrionale) alla penisola Malese.

Dopo la morte di Bayinnaung (1581), il Secondo Impero Birmano cominciò un lento ed inevitabile declino.

Durante la Guerra Birmano-Siamese (1594-1605), le truppe del Regno di Ayutthaya conquistarono e saccheggiarono Pegu.

Filipe de Brito

Nel 1599 le truppe del Regno di Arakan, guidate dal mercenario portoghese Filipe de Brito (1566-1613), occuparono Thanlyin.

Filipe de Brito fu proclamato Governatore della città, ufficialmente al servizio del Regno di Arakan.

Tuttavia, nel 1603 Filipe de Brito proclamo l’indipendenza di Thanlyin.

Quest’ultima, rinominata Syriam (Sirião), divenne in breve tempo una colonia portoghese a tutti gli effetti.

Nel 1613, le truppe del Restaurato Regno di Toungoo, guidate dal sovrano Anaukpetlun (1605-1628), riconquistarono la città e giustiziarono Filipe de Brito.

La Dinastia Konbaung (Terzo Impero Birmano)

Nel 1740 le popolazioni Mon si ribellarono al controllo Birmano (Bamar) e ricostituirono il Regno di Hanthawaddy (denominato dagli storici Il Regno Restaurato di Hanthawaddy”).

Tuttavia si trattò soltanto di un breve periodo.

Infatti, nel 1757 il sovrano Alaungpaya (fondatore della Dinastia Konbaung) riconquistò Pegu (*).

(*) Pegu fu ricostruita durante il regno di Bodawpaya (1782-1819).

Tuttavia, a causa di una considerevole sedimentazione, il fiume Bago modificò il proprio corso, rendendo impossibile il trasporto fluviale (e relativo sbocco sul Golfo di Martaban).

Estromessa dai principali traffici commerciali, Pegu cadde in una sorta di “anonimato storico-politico”.

Periodo coloniale

Dopo la Seconda Guerra Anglo-Birmana (1852), i territori del delta dell’Irrawaddy e della Bassa Birmania – Bago compresa – furono ammistrati dall’Impero Britannico.

Nel 1862 fu costituita ufficialmente la British Burma (*), colonia amministrata dall’India Britannica.

(*) il termine “Burma” è una traslitterazione anglo-sassone derivata da “Birmania”, termine utilizzato precedentemente dai portoghesi.

A sua volta, il termine “Birmania” fu coniato in relazione all’etnia Bamar, il gruppo etnico principale

Yangon – rinominata Rangoon – fu proclamata capitale della British Burma.

Cosa vedere a Bago

Bago comprende numerosi siti di interesse storico-culturale ed alcuni tra i principali monasteri della Birmania.

Clima | Quando andare a Bago

La Regione di Bago (Birmania centro-meridionale) è caratterizzata da 2 stagioni ben definite:

  • Novembre-Aprile: la stagione secca, con precipitazioni ridotte ai minimi termini;
  • Maggio-Ottobre: la stagione delle piogge, con 12-15 giorni piovosi al mese e temporali frequenti.

Marzo e Aprile sono caratterizzati da un caldo torrido, con temperature diurne nell’ordine dei 34-35°C.

Il periodo migliore per visitare Bago è compreso da Novembre ad Aprile.

Come arrivare a Bago

Bago è raggiungile da Yangon per via stradale (95 km) in circa 90 minuti.

In alternativa, Bago è raggiunbile anche in treno, lungo la linea ferroviaria Yangon-Mandalay.

In tal caso, la durata del viaggio è di circa 2 ore

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS