statistiche gratuite

Home » Cambogia » Destinazioni » Angkor » Preah Khan

Preah Khan

Periodo: fine XII secolo (1191)

Sovrano: Jayavarman VII (1181-1120)

Culto: Buddhismo Mahayana

Preah Khan – che in lingua Khmer significa “La Sacra Spada” – è situato a nord di Angkor Thom. Vedi Mappa

Commissionato dal sovrano Jayavarman VII alla fine del XII secolo, Preah Khan fu utilizzato temporaneamente come residenza reale, in attesa del completamento di Angkor Thom.

Il tempio è dedicato al padre di Jayavarman VII, come testimoniano le numerose immagini di Lokeshvara (*) realizzate con il volto del padre del sovrano.

(*) il “Signore della Compassione“ del Buddhismo Mahayana, l’illuminato dedito ad aiutare le persone che stanno soffrendo e/o lottando per raggiungere l’illuminazione.

Tuttavia Preah Khan annovera anche numerose immagini di Shiva, Brahma e Vishnu, le principali della mitologia Induista (Trimurti).

Descrizione

Preah Khan rappresenta uno dei templi più imponenti di Angkor.

Il complesso, delimitato da un canale perimetrale dim. 755 x 935 metri (foto sotto), fu realizzato con ben quattro muri di cinta.

L’accesso è garantito da quattro porte ornamentali (Gopura), poste in corrispondenza dei punti cardinali, ognuna delle quali è decorata con 54 statue di Deva (angeli) e 54 statue di Asura (demoni), protagonisti delll’epica battaglia per Amrita (*)

(*) Amrita – termine Sanscrito che letteralmente significa “immortale” – nella mitologia induista rappresenta l’elisir dell’immortalità (l’acqua della vita eterna).

Settore Centrale

Dei percorsi pavimentati conducono all’area centrale del complesso. Quest’ultima fu realizzata all’interno di una cinta muraria – terza – a pianta rettangolare (dim. 165 x 220 metri).

La parte centrale del complesso comprende numerosi strutture delimitate da una serie di corridoi e portici finemente decorati con basso-rilievi e sculture in ottimo stato di conservazione.

Come Ta Phrom, anche il complesso di Preah Khan presenta alcuni parti “conglobate” dalle radici di enormi alberi secolari.

Clicca sull’immagine per vedere la galleria

Nota caratteristica – e misteriosa – è la presenza di una struttura situata nell’area orientale del complesso. Quest’ultima, realizzata a due livelli, è caratterizzata da una serie di colonne decorate con uno stile tipico dell’antica Grecia (foto sotto).

Neak Pean

Ad est del tempio di Preah Khan fu realizzata una enorme riserva idrica idrico (Jayatataka). In quest’area, c’e un piccolo tempio realizzato su di un isolotto artificiale.

Quest’ultimo, denominato Neak Pean (*), è raggiungibile attraverso una passerella pedonale lunga complessivamente 1,800 metri (foto sotto).

(*) Neak Pean è definito un “tempio satellite” del Preak Khan.

Il tempio è costituito da un unico torrione-santuario (Prasat), realizzato su di un imponente basamento a gradoni a pianta circolare.

(*) Neak Pean rappresenta Anavatapta, il lago della mitologia Induista le cui acque sono in grando di curare qualsiasi male.

Anavatapta è situato al centro dell’universo ed alimenta i quattro fiumi sacri: Indus, Oxus, Tarim ed il Gange.

2019 © Vacanzethai Co. Ltd. Tutti i diritti sono riservati. Termini e Condizioni di utilizzo del presente sito web

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS