statistiche gratuite

TOUR CAMBOGIA

Grand Tour di Angkor

  • Tour Cod.TKH03
  • Descrizione: Tour di gruppo con guida in Italiano
  • Partenza garantita per min. 2 partecipanti
  • Durata: 7 giorni / 6 notti
  • Partenza da: Siem Reap
  • Giorno: Sabato
  • Termine a: Siem Reap
  • Pernottamento: Siem Reap (6)

Descrizione

Grand Tour di Angkor è un tour di gruppo con guida in Italiano che garantisce una full-immersion nella civiltà Khmer. Attraverso questo tour straordinario, infatti, avrete modo di scoprire, oltre agli itinerari classici, alcuni siti archeologici risalenti al periodo Angkoriano situati in zone remote della Cambogia, accessibili al pubblico soltanto da poco più di un decennio.

Il programma prevede la visita dei principali itinerari di Angkor: Pre Rup, Banteay Srei, il grandioso Angkor Wat, il complesso fortificato di Angkor Thom, Ta Prohm ed il monastero di Preah Khan.

Visiteremo il sito archeologico di Hariharalaya, oggi denominato Rolous, e faremo una escursione in barca tra i villaggi galleggianti del Tonlè Sap, il lago più grande del sudest Asia.

Proseguiremo questo tour straordinario con un’escursione al Parco Nazionale di Phnom Kulen e con la visita di Beng Mealea e Koh Ker, due siti archeologici immersi nella giungle cambogiana.

Itinerario di Viaggio

Giorno 1

Siem Reap – Trasferimento in hotel (…)

Arrivo all’aeroporto di Siem Reap (REP), incontro con la guida e trasferimento in hotel (*)

(*) camere disponibili dopo le ore 14:00

Giornata libera.

Primo pernottamento a Siem Reap.

Giorno 2

Pre Rup – Banteay Srei – Angkor Wat (B,L)

Dopo colazione (inclusa), partenza per prima giornata di visite di Angkor.

Prima tappa al Prasat Kravan, una delle costruzioni più antiche di Angkor, caratterizzato da 5 torrioni-santuario (Prasat) allineati tra loro.

Ci trasferiremo alla East Baray, il bacino idrico principale dell’antica capitale Yasodharapura (dim. 7,600 x 1,800 metri).

Al centro dell’East-Baray, alla sommità di un rilievo artificiale, sorge Eastern Mebon (953), complesso templare realizzato secondo il tradizionale schema progettuale denominato “tempio-montagna”.

A seguire visiteremo il maestoso tempio-montagna di Pre Rup, situato 1 km a sud di East Mebon. Quest’ultimo, commissionato dal sovrano Rajendravarman II, rappresenta uno dei più imponenti monasteri della capitale.

La Cittadella delle Donne

L’escursione procede con la visita del Banteay Srei, considerato uno dei templi più belli di Angkor.

La costruzione del tempio (967) – che in lingua Khmer significa “La Cittadella delle Donne” – non fu commissionata dal sovrano, ma bensì da due bramini: Yajnavaraha, guida spirituale del sovrano Rajendravarman II, e dal fratello minore Vishnukumara.

Costruito con l’utilizzo di blocchi di arenaria color rosato, Banteay Srei annovera splendidi basso-rilievi, la maggior parte delle quali in ottimo stato di conservazione.

Angkor Wat

L’intero pomeriggio sarà dedicato alla visita del grandioso Angkor Wat, il complesso religioso più grande del mondo.

Angkor Wat è un mix unico di creatività architettonica e devozione spirituale, tanto de essere definito “Il Paradiso in Terra”.

Il complesso infatti è la rappresentazione terrena dell’universo: la parte centrale rappresenta il Monte Meru, montagna sacra e dimora degli Dei, il parco circostante rappresenta le Isole (Dvipa) ed il canale esterno gli Oceani (*).

(*) Per maggiori informazioni vedi La Cosmologia Induista

Pranzo in un ristorante locale (incluso).

Rientro in hotel al termine delle visite.

Cena libera e secondo pernottamento a Siem Reap.

Pre Rup
Banteay Srei (La Cittadella delle Donne)
Banteay Srei (La Cittadella delle Donne)

Giorno 3

Ta Prohm – Angkor Thom – Preah Khan (B,L)

Il protagonista di oggi sarà Jayavarman VII (1181-1220), considerato il più grande sovrano dell’Impero Khmer (*)

(*) durante il suo regno l’Impero Khmer raggiunse la massima espansione ed influenza sia politica che culturale.

L’era di Jayavarman VII segna anche una fondamentale transizione spirituale dall’Induismo al Buddismo Mahayana.

Angkor Thom

Dopo colazione (inclusa), partenza per la visita di Angkor Thom, un complesso fortificato con un’area di circa 10 km², situato 3 km a nord di Angkor Wat.

Angkor Thom fu realizzato con un canale esterno largo 100 metri (Jayasindhu) e mura perimetrali realizzate con blocchi di laterite, alte 8 metri, con una lunghezza complessiva di 12 km (Jayagiri).

La visita prevede l’ingresso al complesso dalla “South Gate” (accesso situato lungo il lato meridionale del complesso), porta monumentale alla quale si accede attraverso un ponte decorato con 54 statue raffiguranti i Deva e 54 raffiguranti gli Asura.

Visiteremo il Bayon, uno tra i più spettacolari e misteriosi templi della civiltà Khmer, caratterizzato da 54 torrioni-santuaro decorati con 216 volti di Lokeshvara, il “Signore della Compassione” del Buddhismo Mahayana.

A seguire visiteremo l’area in cui sorgeva il Palazzo Reale, comprensiva del tempio di Phimeanakas (che in lingua Khmer significa “Il Palazzo Celestiale”), dal Royal Pond (Le Piscine Reali) e, soprattutto dalle splendide Terrazze Reali.

Quest’ultime si estendono per circa 400 metri, con un’altezza di 7 metri, lungo il lato orientale del Palazzo Reale, antistanti un’area molto vasta.

Uscendo dall’Angkor Thom attraverso la porta orientale (Victory Gate), potremo ammirare – dall’esterno – i templi  ThommanonChao Sai Tewoda e l’imponente Ta Keo.

Primo tempio ad essere costruito con l’utilizzo di blocchi di arenaria, Ta Keo non fu mai ultimato.

Ta Phrom e Preah Khan

A seguire visiteremo il tempio di Ta Phrom.

Originariamente denominato Rajavihara (“Il Monastero del Sovrano” ), Ta Prohm (1186) è dedicato alla madre di Jayavarman VII.

Ta Prohm rappresenta senza dubbio uno dei luoghi più suggestivi di Angkor.

Il tempio infatti è stato parzialmente “inghiottito“ dalla natura: le enormi radici di alberi secolari avvolgono alcune parti del complesso, creando un’atmosfera irreale (*)

(*) in questo luogo sono state girate alcune scene del film “Tomb Raider” (2001), interpretato da Angelina Jolie.

Nel pomeriggio visita al tempio di Preah Khan, uno dei templi più imponenti di Angkor, caratterizzato da numerosi corridoi e portici finemente decorati con basso-rilievi e sculture in ottimo stato di conservazione.

Come Ta Phrom, anche a Preah Khan le radici di alcuni alberi secolari hanno “conglobato” parte del tempio.

Pranzo in un ristorante locale (incluso).

Rientro in hotel al termine delle visite.

Cena libera e terzo pernottamento a Siem Reap.

Angkor Thom
Bayon (Angkor Thom)
Bayon
Ta Prohm | Angkor Thom

Giorno 4

Roulous – Escursione Tonle Sap (B,L)

Dopo colazione (inclusa), trasferimento al sito archeologico di Hariharalaya, località oggi denominata Rolous.

Quest’ultima, situata 13 km ad est di Siem Reap, fu la prima capitale dell’Impero Khmer, fondata dal sovrano Jayavarman II agli inizi del IX secolo (802).

Rolous

Il complesso di Rolous comprende 3 templi principali: Lolei, Preah Ko e Bakong.

L’imponente tempio di Bakong, attrazione principale del sito, fu commissionato da Indravarman I, il terzo ed ultimo sovrano residente a Hariharalaya.

Il Bakong rappresenta il primo imponente “tempio-montagna” della civiltà Khmer.

Pranzo in ristorante locale (incluso).

Tonlè Sap, il Grande Lago

Nel pomeriggio faremo un’escursione in barca sul Tonlè Sap, il lago più grande del Sud-Est Asiatico.

Il Tonlè Sap è collegato al Mekong da un canale – Tonlè Sap River – che confluisce nel Mekong dopo un percorso di circa 100 km.

Durante la stagione secca (Novembre-Aprile) il lago interessa una superficie di  “soli” 2,500-3000km². Tuttavia, nel periodo compreso da Maggio a Ottobre (stagione delle piogge), il Mekong riversa attraverso il Tonlè Sap River un’enorme quantità d’acqua nel lago.

Questo fenomeno crea un’innalzamento del livello dell’acqua di oltre 10 metri, creando un bacino idrico con una superficie complessiva di oltre 15,000 km².

Il lago rappresenta un eco-sistema unico, habitat ideale per numerose specie di uccelli, rettili e pesci. Proprio per questo motivo, nel 1997 Tonlè Sap è stato dichiarato ufficialmente “Riserva Naturale” dall’UNESCO.

Tonlè Sap rappresenta la principale riserva idrica ed alimentare della Cambogia. Il lago, infatti, rifornisce di pesce più di tre milioni di persone (circa il 50% della popolazione cambogiana).

Rientro in hotel al termine dell’escursione.

Cena libera e quarto pernottamento a Siem Reap.

Bakong (Rolous)
Villaggio galleggiante | Tonle Sap (Cambogia)
Villaggio su palafitte | Tonle Sap (Cambogia)

Giorno 5

Phnom Kulen National Park (B,L)

Dopo colazione (inclusa), partenza per la visita al Parco Nazionale di Phnom Kulen.

Aperto al pubblico nel 1999, il Parco Nazionale di Phnom Kulen è situato a circa 60 km da Siem Reap, raggiungibile da quest’ultima in circa 90 minuti.

Il territorio del parco è caratterizzato da un altopiano che si estende per circa 30 km, con un’altezza max di 487 metri s.l.m.

La Montagna Sacra

Agli inizi del IX secolo, Jayavamarn II (802-850) si ribellò alla dominazione dei Javanesi (Regno di Medang).

Ottenuta l’indipendenza, Jayavamarn II iniziò un’opera di unificazione dei vari regni presenti all’epoca, creando quello che poi sarebbe diventato uno dei più vasti e potenti imperi del sudest Asia: l’Impero Khmer.

Jayavamarn II si autoproclamò “monarca divino” (Devaraja), la rappresentazione terrena di Shiva.

Ispirandosi al Monte Meru, dimora di Shiva e centro dell’universo, Jayavarnman II fece costruire un complesso templare alla sommità del monte Kulen (tutt’oggi considerato un luogo sacro).

(*) Phom Kulen fu il principale luogo di estrazione dell’arenaria utilizzata per la costruzione dei templi di Angkor e la fonte primaria per l’approvigionamento idrico della capitale.

Cosa vedere a Phnom Kulen

Il letto del torrente e caratterizzato da bassorilievi raffiguranti le principali divinità della Mitologia Induista (*)

(*) la gran parte dei bassorilievi raffigurano il Linga, simbolo di fertilità associato a Shiva.

Le altre attrazioni sono rappresentate da un tempio buddista, caratterizzato da un imponente Buddha sdraiato (realizzato da un unico blocco di arenaria nel corso del XVI secolo), e dalle cascate del parco (la principale, caratterizzata da un dislivello di 20 metri, rappresenta il luogo ideale per fare un bagno rinfrescante circondati da una natura rigogliosa).

Pranzo pic-nic (lunch box).

Rientro in hotel verso le ore 16:00 ca.

Cena libera.

Quinto pernottamento a Siem Reap.

Monaci Tempio Phnom Kulen
Bassorilievi torrente Phnom Kulen
Cascata Phnom Kulen National Park

Giorno 6

Beng Mealea – Koh Ker (B,L)

Dopo colazione (inclusa), partenza alla volta di Koh Ker, complesso templare situato 100km a nord-est di Siem Reap, in provincia di Preah Vihear.

Beng Mealea

Lungo il tragitto da Siem Reap a Koh Ker è prevista la visita al sito di Beng Mealea.

Beng Mealea – che in lingua Khmer significa “Lo stagno con i fiori di Loto” – rappresenta uno dei templi più misteriosi della civiltà Khmer.

Come Koh Ker, anche Beng Mealea fu aperto al pubblico soltanto una decina di anni fa, dopo una meticolosa opera di bonifica del terreno dalle numerose mine presenti.

Parzialmente “inghiottito” dalla natura, Beng Mealea è caratterizzato da un’atmosfera quasi irreale, dove tuttavia è possibile ammirare alcuni dettagli e decorazioni, in particolare nel settore nord-orientale.

Koh Ker

Denominata originariamente Chok Gargyar, Koh Ker, fu la capitale dell’Impero Khmer per 16 anni (dal 928 al 944).

Immersa nella fitta vegetazione tropicale in una zona remota dal Paese, Koh Ker fu uno degli ultimi siti ad essere scoperto.

Il complesso è aperto al pubblico dal 2008, dopo una vasta e meticolosa opera di bonifica del terreno dalle numerose mine interrate durante la guerra (complessivamente sono state rimosse ben 1382 mine).

Con un’area di circa 36 km², Koh Ker comprendeva un ampio bacino idrico denominato Rahal (dim. 1185 x 548 metri) ed un complesso templare costituito da 42 strutture principali.

Pranzo pic-nic (lunch-box) a Koh Ker (incluso).

Rientro in hotel previsto nel tardo pomeriggio (17:30 ca).

Cena libera.

Sesto pernottamento a Siem Reap.

Beng Mealea
Beng Mealea 2
Koh Ker

Giorno 7

Trasferimento in aeroporto (B)

Colazione in hotel (inclusa), check-out entro le ore 12:00 e trasferimento all’aeroporto di Siem Reap (REP)

Fine dei servizi.

Hotels Previsti

SIEM REAP

TARA ANGKOR HOTEL 4*

Quota Individuale da EUR 777=

  • Validità Offerta: 01 Novembre 2018 – 31 Ottobre 2019
  • Supplemento per sistemazione in camera singola: da EUR 336=
  • Partenza garantita per minimo 2 partecipanti
  • Vedi Scheda Tecnica Catalogo
  • Vedi Dettagli pagamento

La quota comprende

  • Pernottamento negli hotels sopra indicati o di pari categoria
  • Sistemazione in camera doppia
  • Trattamento come da programma (B=colazione, L=pranzo, D=cena)
  • Guida parlante Italiano
  • Visite, escursioni ed attività come da programma
  • La quota individuale per l’ingresso nei luoghi di visita
  • Trasferimenti con mezzo riservato
  • Assistenza in lingua Italiana 24/7

La quota NON comprende

  • Voli internazionali e relative tasse aeroportuali
  • Voli domestici
  • Visto Cambogia: clicca qui
  • Bevande e Pasti non indicati nel programma
  • Supplemento Peak Season (dal 24/12/2018 al 31/12/2018)
  • Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”
  • Assicurazione Viaggio (disponibile con supplemento): clicca qui

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Compila il MODULO sottostante in tutti i campi ed INVIA LA RICHIESTA. Entro 24 ore sarete contattati da un nostro consulente di viaggio.

GRAND TOUR DI ANGKOR Cod. TKH03

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS

tour operator birmania | tour operator thailandia | tour operator vietnam | tour operator cambogia | tour operator laos