statistiche gratuite

Wat Mahathat

Wat Mahathat – “Il Tempio della Grande Stupa” – è situato in centro a Luang Prabang, vicino al Wat Mai ed al Monte Phou Si. Vedi Mappa

La costruzione del tempio risale al 1548, durante il Regno di Setthathirath, sovrano del Regno di Lan Xang.

Gravemente danneggiato da un violento temporale nel 1900, il complesso fu completamente restaurato agli inizi del XX secolo.

La Chedi

Il complesso comprende anche una stupa principale, situata dietro alla Sim.

Realizzata nel corso del XVI secolo, la stupa è caratterizzata da uno stile architettonico tipico del Regno Lanna.

La struttura è costituita da un imponente basamento quadrato, piuttosto alto. Il tronco superiore è decorato con quattro nicchie – una per lato – contenenti della immagini dorate del Buddha.

L’estremità superiore, particolarmente affusolata, è costituito da una serie di spire concentriche decorate con il tradizionale Chatra (*)

(*) pinnacolo ornamentale a forma di ombrello, costituito da una serie di spire dorate concentriche.

Attorno alla stupa principale sono presenti delle stupa minori contenenti le ceneri di alcuni membri della dinastia reale (*)

(*) in particolare, le stupa custodiscono le ceneri del Principe Phetsarath Ratanavongsa (1890-1959), ultimo vice-re del Regno del Laos, le ceneri del Principe Souvanna Phouma (1901-1984), storico Primo Ministro del regno, e le ceneri del Principe Souphanouvong (1909 -1995)

La Ubosot

Realizzata nel 1910, la Ubosot – Sala dell’Ordinazione – rappresenta la struttura principale del complesso.

L’edificio sorge su di un basamamento a pianta rettangolare di colore bianco.

L’accesso alla struttura è garantito da quattro scale – una per lato – le cui balaustre sono decorate con il Naga (il serpente sacro della mitologia Induista-Buddista).

In corrispondenza dell’ingresso principali, ai lati della scala ci sono due statue di Phra Mae Thorani (*)

(*) nella mitologia Buddhista Phra Mae Thorani rappresenta la Madre Terra. Quest’ultima ha le sembianze di una giovane donna con lunghi capelli neri.

Secondo la tradizione buddhista, Mae Thorani scacciò il demone Mara, apparso durante la meditazione che portò Siddharta Gautama al raggiugimento dell’Illuminazione.

Una delle tipiche posture del Buddha (Bhumisparsha Mudra) fa riferimento a questo episodio.

Decorazioni

Come consuetudine, la Sim è caratterizzata da un elaborato tetto multi-falda realizzato in stile Lao-Thai, ornato superiormente con il “Dok So Faa” (*)

(*) elemento decorativo costituito da 15 pinnacoli con un Chatra posto all’estremità superiore.

La struttura portante è costituita da una serie di colonne circolari, decorate con una laccatura con motivi dorati su sfondo nero.

L’estremità superiore di ogni colonna è decorata con delle sculture dorate raffiguranti dei petali di fiore di Loto.

La facciata frontale è caratterizzata da pannelli decorati con intarsi dorati su sfondo ocra.

In particolare, il frontone è decorato con una serie d’intarsi dorati raffiguranti La Ruota del Dharma.

Le murature presentano dipinti raffiguranti scene del Phra Lak Pra Lam (*)

(*) la versione laotiana del Ramayana, il principale poema epico della reglione induista. Il poema narra le avventure di Rama, principe guerriero, rappresentazione terrena di Vishnu (una delle principali divinità della mitologia Induista).

Le ante dorate del portone d’ingresso sono finemente decorate con bassorilievi raffiguranti creature mitologiche del Buddhismo.

Clicca sull’immagine per vedere la galleria

⇒ Vedi gli altri ITINERARI DI LUANG PRABANG

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS