statistiche gratuite

Il Parco Phutthamonthon

Phutthamonthon è un parco di oltre 400 ettari dedicato al Buddhismo, situato in provincia di Nakhon Pathom, circa 20km ad ovest di Bangkok. Vedi Mappa

Il termine Phutthamonthon – o Buddha Monthon – significa letteralmente “Il Cerchio del Buddha

Cenni Storici

Realizzato per celebrare i 2,500 anni della nascita del Buddha, il parco fu inaugurato il 13 Maggio 1957, giorno del Visakha Bucha (*)

(*) Principale festività della religione buddista, il Visakha Bucha celebra tre eventi fondamenti della vita del Buddha: la nascita, l’Illuminazione (a 35 anni) e la morte (45 anni dopo). Il Visakha Bucha viene celebrato annualmente in corrispondenza del plenilunio del sesto mese del calendario lunare (Maggio-Giugno).

Descrizione

Buddha Monthon

Il parco è caratterizzato da una statua in bronzo del Buddha alta 15,87 metri denominata ufficialmente “Phra Si Sakkaya Thotsaphonlayan Prathan Phutthamonthon Suthat”. Quest’ultimo, meglio conosciuto come Buddha Monthon, raffigura il Buddha nella posizione dell’Abhaya Mudra.

Disegnata da Corrado Feroci (*) nel 1955, l’immagine fu realizzata e posta in opera soltanto nel 1981.

(*) Corrado Feroci (1892-1962) fu uno scultore, disegnatore, docente, rettore, critico d’arte e scrittore italiano naturalizzato Thailandese.

Trasferitosi in Thailandia nel 1923, Corrado Feroci nel 1932 fondò l’Accademia delle Belle Arti Siamese.

Nel 1942 l’Accademia delle Belle Arti divenne l’Università Silpakorn (la prima università di Belle Arti del regno), della quale Corrado Feroci fu docente e rettore.

Nel 1943 ottenne la cittadinanza thailandese con in nominativo di Silpa Bhirasri.

Corrado Feroci è tutt’oggi considerato il padre dell’arte moderna e contemporanea thailandese.

I Quattro Siti Commemorativi

La statua del Buddha Monthon, immagine principale del complesso, è situata al centro di una enorme area circolare, suddivisa in quattro settori rappresentanti le fasi fondamentali della vita del Buddha:

  • Nascita;
  • Illuminazione;
  • Insegnamenti (Dharma);
  • Morte (Nirvana).

Nascita

La nascita del Buddha è rappresentata da sette sculture di granito raffiguranti dei Fiori di Loto (realizzati con un diametro di 1,5 ed un’altezza di 0,8 metri, foto sotto).

I Fiori di Loto simboleggiano le sette regioni dell’India in cui il Buddha si recò per diffondere i propri insegnamenti: Kali-Kosol, Makoyt-Angka, Sakka, Watshe, Mulla, Wangsa e Kuru.

Illuminazione

A 35 anni, dopo sette settimane di profonda meditazione sotto un albero di Fico Sacro (Ficus Religioso, foto sotto), Siddharta Gautama raggiunse l’Illuminazione (Bodhi), la via che conduce alla felicità eterna.

Siddharta Gautama fu denominato il Buddha, che letteralmente significa “Illuminato, Risvegliato”.

Dharma

A partire dal 528 a.C., il Buddha si recò nelle principali regioni dell’India per diffondere i suoi insegnamenti.

Il primo sermone del Buddha si tenne a Sarnath, località situata vicino a Benares, in presenza di cinque sramana (asceti).

Con il “Discorso di Benares” il Buddha enuncia le “Quattro Nobili Veritá”, dando inizio al Dharma, gli insegnamenti della dottrina buddhista.

Dharma è un termine Sanscrito che identifica la “Ruota del Dharma” (Dharmachakra), che rappresenta gli insegnamenti della dottrina buddista.

Morte

La morte del Buddha (Nirvana) è rappresentata da un enorme letto realizzato in granito (6,30 metri in lunghezza, largo 1,70 ed alto 1,40).

Il Tempio con le Stele di Marmo

Situato in un’isolotto artificiale nell’area occidentale del parco, c’è un tempio di recente costruzione contenente 1408 stele di marmo nelle quali sono incisi i testi che racchiudono i testi sacri della dottrina buddhista (Tripitaka).

Il complesso, denominato “Il Tempio con le Stele di Marmo”, è caratterizzato da una imponente chedi principale dorata, realizzata con uno stile architettonico tipico del Regno di Ayutthaya.

Il Museo del Buddhismo

Il parco comprende un enorme edificio adibito a Museo, dedicato alle principali figure che hanno caratterizzato la storia del Buddhismo in Thailandia.

L’attrazione principale del museo è rappresentata da una sala nella quale sono custodite le statue in cera dei patriarchi supremi del regno.

La residenza del Patriarca Supremo

All’interno del parco c’è la residenza ufficiale del Patriarca Supremo, la massima autorità buddista del regno.

Nel Febbraio del 2017, il sovrano Vajiralongkorn (Rama X) ha nominato ufficialmente il 20° Patriarca Supremo (l’ottantanovenne Somdet Phra Maha Muniwongoggi).

⇒ Vedi gli altri ITINERARI DI NAKHON PATHOM

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS