statistiche gratuite

Il Delta del Mekong (Vietnam)

Con una lunghezza complessiva di ben 4,350 km, il corso del Mekong inizia negli altopiani del Tibet e prosegue attraversando lo Yunnan (Cina meridionale), la Birmania, il Laos, la Thailandia, la Cambogia ed il Vietnam.

Situato nella regione sud-occidentale del Vietnam, il Delta del Mekong è caratterizzato dalla diramazione del corso del fiume in nove enormi braccia (*) sfocianti nel Mar Orientale.

(*) il Delta del Mekong è denominato dalla popolazione locale “Il Drago a Nove Teste”

La regione del Delta del Mekong interessa un’area di ben 39,000km², formando una sorta di triangolo delimitato dalle province di My Tho (ad est), Chau Doc (a nord), Ha Tien (ad ovest) e Ca Mau all’estremità meridionale.

Il Delta del Mekong rappresenta un eco-sistema naturale unico al mondo, caratterizzato da una ampia e variegata flora e fauna (dal 1997 al 2007 sono state rilevate piu di 1,000 specie animali).

Da un punto di vista amministrativo, il Delta del Mekong è suddiviso in 12 province ed una municipalità autonoma, Can Tho. Vedi Mappa Delta del Mekong

Quest’ultima, con una popolazione di oltre un milione di abitanti – la quarta città del Vietnam – rappresenta il centro economico principale della regione.

L’economia della regione ed il sostentamento primario della popolazione locale è rappresentato dall’agricoltura (coltivazione del riso), dalla pesca e, soprattutto, dall’acquacoltura (allevamento di pesce).

Cenni Storici

Nel corso del III secolo, l’Imperatore Cinese Wei inviò una spedizione per esplorare i territori dell’odierna Cambogia e Delta del Mekong.

Al loro ritorno riferirono di un numero imprecisato di regni indipendenti e, spesso, in conflitto l’uno con l’altro.

Il più vasto e potente fu denominato dai Cinesi Regno di Funan. Quest’ultimo, oltre ad una fiorente agricultura, aveva più di un un porto lungo le coste del Golfo della Thailandia.

Probabilmente proprio grazie ai rapporti commerciali con l’India, in questo periodo si verificò una vera e propria “Indianizzazione” culturale e religiosa delle popolazioni locali.

Nel corso dell’VIII secolo la regione fu annessa al Regno di Medang (odierna Java).

Dopo una sanguinosa rivolta, i territori occupati ottennero l’indipendenza dal Regno di Medang, a seguito della quale Jayavarnman II (802-835) si autoproclamò “monarca divino” (devaraja). Quest’ultimo, effettuò un’opera di unificazione ed espansione del regno, dando origine ad uno dei più vasti e potenti imperi del sud-est Asia: l’Impero Khmer.

Nel periodo compreso dall’VIII al XVI secolo, i territori della regione del Delta del Mekong furono occupati stabilmente dalla popolazione Khmer.

A causa del conflitto tra la dinastia Trinh (Vietnam del Nord) e la dinastia Nguyen (Vietnam Centrale), nel corso del XVI secolo numerose famiglie vietnamite si rifugiarono nei territori del Delta (*)

(*) autorizzate ufficialmente dal sovrano Chey Chetta II dell’Impero Khmer.

Con il declino dell’Impero Khmer i Vietnamiti cominciarono ad insediarsi stabilmente nella regione.

Il periodo coloniale e le Guerre d’Indocina

Dopo l’occupazione Francese di Saigon nel 1859, l’imperatore Tu Duc firmò un trattato a seguito del quale i territori della regione del Delta del Mekong – Saigon inclusa – passarono sotto il diretto controllo dei Francesi (Cocincina).

Durante il periodo coloniale Francese, la regione del Delta del Mekong fu soggetta a numerose opere di bonifica.

Terminata la Seconda Guerra Mondiale, Ho Chi Minh proclamò l’indipendenza del Vietnam, dando inizio al conflitto con i Francesi (Prima Guerra d’Indocina).

La Conferenza di Ginevra del 1954 pose fine ufficialmente all’Indocina Francese ed il Vietnam fu “temporaneamente” (*) diviso in due stati: a nord del 17° parallelo la Repubblica Democratica del Vietnam, guidata da Ho Chi Minh con capitale Hanoi; a sud lo Stato del Vietnam, con a capo l’Imperatore Bao Dai e capitale Saigon.

(*) fino alla svolgimento delle elezioni nazionali, fissate per il 23 Luglio 1956

Nel 1955, Ngo Dinh Diem, Primo Ministro dello Stato del Vietnam, anti-comunista cattolico, fu proclamato Presidente della neo-costituita Repubblica del Vietnam.

Con il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti iniziò ufficialmente la Guerra del Vietnam (Seconda Guerra d’Indocina).

Durante il conflitto l’area del Delta del Mekong fu teatro di violenti scontri tra i guerriglieri Viet Cong e le truppe americane.

Quest’ultimi bombardarono pesantemente la zona, utilizzando spesso anche sostanze chimiche quali il Napalm ed il defoliante Orange (*)

(*) con scarsi risultati, in quanto i guerriglieri Viet Cong si rifugiarono all’interno di una fitta rete di tunnels a diversi metri di profondità (vedi i Tunnels di Cu Chi).

Il conflitto in Vietnam terminò ufficialmente con la caduta di Saigon (1975) e la vittoria dei comunisti di Ho Chi Minh.

Occupazione della Cambogia

Considerati i precedenti storici e le ambizioni di Ho Chi Minh, l’unificazione del Vietnam fu considerata una potenziale minaccia d’invasione dai Khmer Rossi di Pol Pot.

Quest’ultimi iniziarono ad effettuare sortite oltre il confine vietnamita, spesso massacrando la popolazione civile.

Nel 1979 le truppe Vietnamite (supportate politicamente dall’Unione Sovietica) invasero la Cambogia ed occuparono la capitale Phnom Phen.

I Khmer Rossi si rifugiarono nei rilievi della Cambogia nord-occidentale, in prossimità del confine Thailandese.

Con il collasso dell’Unione Sovietica nel 1989, il Vietnam pose fine all’occupazione della Cambogia e si ritirò definitivamente.

L’amministrazione vietnamita del Delta del Mekong rappresenta tutt’oggi un “forte risentimento” per molti cambogiani (*)

(*) la regione del Delta è denominata dai cambogiani “Cambogia meridionale”.

Cosa vedere nel Delta del Mekong

Si elencano di seguito i principali itinerari della regione del Delta del Mekong:

Quando andare nel Delta del Mekong

La regione del Delta del Mekong è caratterizzata da un clima di tipo tropicale monsonico, come di seguito specificato:

  • Novembre-Aprile, la stagione secca, con precipitazioni ridotte ai minimi termini;
  • Maggio-Ottobre, la stagione umida, con 15-20 giorni piuovosi al mese e temporali frequenti.

Marzo, Aprile e Maggio sono caratterizzati da un caldo torrido, con temperature che raggiungono i 34-35°C.

Come arrivare nel Delta del Mekong

Il nuovo aeroporto internazionale di Can Tho (Trac Noc Airport, Cod.IATA: VCA) rappresenta il principale scalo aeroportuale della regione del Delta del Mekong.

Originariamente l’aeroporto fu costruito dagli americani nel 1965 (Binh Thuy Air Base). Durante la Guerra del Vietnam la struttura fu utilizzata dall’aviazione militare americana (USAF) e sud-vietnamita (VNAF) fino al 1975.

Con il termine del conflitto l’aeroporto divenne il principale scalo aeroportuale della regione.

Sottoposto ad importanti opere di amplimento e ristrutturazione, il nuovo aeroporto fu inaugurato il 1 Gennaio del 2011.

La nuova struttura ha una capacità di ben 5 milioni di passeggeri l’anno. Alla data odierna l’aeroporto di Can Tho è connesso con voli domestici da/per Hanoi, Ho Chi Minh City, Phu Quoc (Vietnam Airlines) e Con Dao (VASCO Airlines).

A livello internazionale, Can Tho e connessa con voli diretti da/per Bangkok (Thai VietJet) oltre ad alcuni voli charter da Cina e Taiwan.

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS

tour operator birmania | tour operator thailandia | tour operator vietnam | tour operator cambogia | tour operator laos