statistiche gratuite

Saigon Vietnam

Ho Chi Minh City (Saigon): info generali, storia, clima, Saigon quando andare, mappa itinerari, Saigon cosa vedere
Home » Vietnam » Destinazioni » Saigon

Saigon Vietnam

Saigon – ufficialmente Ho Chi Minh City – è situata nel Vietnam meridionale, 1,760 km a sud della capitale Hanoi.

Con una popolazione di oltre 10 milioni di persone, Saigon è la città più grande e popolosa del Vietnam.

Inoltre, considerato l’incremento demografico degli ultimi anni, si stima che entro il 2020 Saigon raggiunga una popolazione di circa 20 milioni di persone, distribuite in un’area urbana di oltre 30,000 km².

MappaSaigon Vietnam: vedi Mappa

Amministrazione, popolazione e religione

Da un punto di vista amministrativo, Ho Chi Minh City è una delle 5 municipalità autonome del Vietnam (*)

(*) le altre sono Hanoi, Haiphong, Da Nang e Can Tho

Saigon confina con le provincie di Tay Ninh e Binh Duong a nord, Dong Nai e Ba Ria-Vung Tau ad est, Long An ad ovest e con il Mar Cinese meridionale a sud.

La maggioranza della popolazione – 93% – è di etnìa Vinh (Viet). I gruppi etnìci minoritari sono costituiti dalla comunità Cinese (Hoa) e, in minima parte, Khmer e Cham.

Le tre religioni principali sono rappresentate dal Buddhismo Mahayana, Taoismo e Confucianesimo.

Gli altri gruppi religiosi presenti sono i Cristiani Cattolici (circa il 10% della popolazione), Protestanti, Musulmani, Hindù e Caodaisti (*)

(*) Il Cao Dai è un culto fondato nel corso del XX secolo da Ngo Minh Chieu, la cui dottrina è caratterizzata da un mix di Buddhismo Mahayana, Taoismo, Confucianesimo, Spiritualismo Vietnamita, Cristianesimo e Islam.

Il Caodaismo conta complessivamente 3 milioni di fedeli nel mondo, la maggior parte dei quali sono insediati nelle province del Vietnam meridionale.

Ho Chi Minh City: la capitale economica del Vietnam

Saigon rappresenta il centro economico principale del Vietnam.

Ho Chi Minh City, infatti, annovera ben 12 zone industriali e 2 vaste aree a regime fiscale agevolato dedicate allo sviluppo tecnologico.

In particolare, alla data attuale sono presenti più di 300,000 aziende provenienti da tutto il mondo (*).

(*) La Intel, colosso multinazionale del settore tecnologico, nel 2006 ha investito 1 bilione di dollari.

Con una media annua di oltre 16 milioni di passeggeri, l’aeroporto internazionale di SaigonTan Son Nhat International Airport – rappresenta l’aeroporto principale del Vietnam.

(*) Nel Distretto di Long Than, situato 40 km a nord di HCMC, è in fase di costruzione un nuovo aeroporto internazionale – Long Thanh International Airport – con una capacità operativa di 100 milioni di passeggeri l’anno (l’inaugurazione è prevista per il 2025).

Presso il porto marittimo di Saigon ogni anno transitano più di 50 milioni tonnellate di merci (un terzo del Paese).

Il porto fluviale di Saigon – situato lungo il Saigon River – rappresenta un importante scalo commerciale e turistico.

Inoltre, nel 2019 sarà inaugurata la nuova linea metropolitana, con un traffico giornaliero stimato nell’ordine delle 160,000 persone.

Saigon Vietnam (Ho Chi Minh City)

Saigon: cenni storici

Intorno al XIII-XIV secolo, pescatori di etnìa Khmer fondarono un villaggio nell’area dell’attuale Saigon e lo denominarono Preah Reach Nokor.

La popolazione Khmer visse nei territori del Vietnam meridionale e nella regione del Delta del Mekong per secoli.

Nel corso del XVI secolo il Vietnam del Nord era governato dalla dinastia Trinh (1539-1787), mentre il Vietnam Centrale era governato dalla dinastia Nguyen (1558-1778).

Dal 1627 al 1673 i Trinh cercarono ripetutamente di conquistare i territori della dinastia Nguyen.

Il conflitto tra la due dinastie costrinse numerose famiglie vietnamite a rifugiarsi nei territori del Delta (*), autorizzati ufficialmente dal sovrano Chey Chetta II dell’Impero Khmer.

(*) all’epoca la regione del Delta del Mekong era parte integrante dell’Impero Khmer.

Con il declino di quest’ultimo, i Vietnamiti cominciarono ad insediarsi stabilmente nella regione, isolando progressivamente la popolazione Khmer.

La Dinastia Nguyen

Alla fine del XVII secolo, la Dinastia Nguyen annesse ufficialmente i territori del Delta del Mekong.

Nel 1765 la cittadina di Tay Son, situata nelle vicinanze di Qui Nhon, si ribellò al controllo della dinastia Nguyen (vedi La Rivolta di Tay Son).

La rivolta si propagò velocemente in gran parte dei territori del Vietnam Centrale.

Approfittando della situazione, le truppe Trinh sferrarono un attacco e conquistarono Phu Xuan (odierna Huè), capitale del Regno Nguyen.

Consolidata la loro posizione e sostenuti dalla maggioranza del popolo, i fratelli Nguyen crearono un vero e proprio esercito.

Nel 1776 conquistarono anche Saigon, ultima roccaforte della dinastia Nguyen.

Successivamente (1783) Nguyen Lu fu proclamato sovrano del Vietnam meridionale, Nguyen Nhac sovrano del Vietnam Centrale. Il terzo fratello, Nguyen Hue, nel 1786 marciò verso nord e pose fine alla dinastia Trinh.

Dopo aver respinto un’offensiva Cinese nel 1789, Nguyen Hue si autoproclamò sovrano dei territori del nord con il nominativo di Imperatore Quang Trung.

La nascita del Vietnam

Approfittando della guerra nei territori settentrionali, Nguyen Anh, uno dei pochi sopravissuti della dinastia Nguyen, guidò vittoriosamente la rivolta contro la dinastia di Tay Son.

Nel 1788, sostenuto dalle truppe Francesi, Nguyen Anh occupò Saigon e commissionò la costruzione di una cittadella fortificata a protezione del centro abitato.

Progettata da ingegneri francesi secondo il modello europeo tipico dell’epoca (Vauban), la cittadella fu completata nel 1790 e denominata Gia Dinh.

La realizzazione della cittadella ed il supporto delle truppe Francesi, permise a Nguyen Anh di mantenere saldamente il controllo della regione del Delta.

Nel 1802, dopo aver conquistato anche i territori settentrionali, Nguyen Anh unificò il Paese, denominandolo Viet Nam, e si autoproclamò sovrano con il nominativo di Imperatore Gia Long.

Il periodo coloniale

L’occupazione Francese iniziò ufficialmente nel 1858, con la conquista di Da Nang.

Il 10 Febbraio 1859 le navi della Marina Francese risalirono il Saigon River e bombardarono dapprima Vung Tàu e, il 17 Febbraio 1859, la Cittadella di Gia Dinh.

Dopo averla conquistata, l’8 Marzo 1859 la evacuarono e la distrussero completamente utilizzando 32 casse di esplosivo.

Saigon fu proclamata capitale della Cocincina (Vietnam meridionale), regione annessa ed amministrata dall’Indocina Francese.

Nel 1929 Saigon contava una popolazione di circa 125,000 persone, di cui 12,000 erano francesi.

Durante il periodo coloniale furono costruiti numerosi edifici caratterizzati da uno stile architettonico tipicamente europeo dell’epoca (*)

(*) alcuni dei quali rientrano tutt’oggi tra i principali itinerari turistici cittadini.

Nel 1931 fu fondata una regione amministrativa denominata Saigon-Cholon, costituita da due cittadine distinte: Saigon e Cholon (odierna Chinatown)

Le Guerre d’Indocina

Terminata la Seconda Guerra Mondiale, nel 1945 i Viet Minh di Ho Chi Minh proclamarono l’indipendenza del Vietnam dalla Francia, dando inzio di fatto alla Prima Guerra d’Indocina.

Nel 1954, a seguito degli Accordi di Ginevra, il Vietnam fu “temporaneamente” diviso in due, fino alla svolgimento delle elezioni nazionali (fissate per il 23 Luglio 1956).

A nord del 17° parallelo la Repubblica Democratica del Vietnam, guidata dal partito Comunista di Ho Chi Minh con capitale Hanoi, e lo Stato del Vietnam, con a capo l’Imperatore Bao Dai e capitale Saigon a sud. Tra i due stati fu creata una Zona Demilitarizzata (DMZ).

Nel 1955 Ngo Dinh Diem, Primo Ministro dello Stato del Vietnam, anti-comunista cattolico, vinse il referendum organizzato dal fratello Ngo Dinh Nhu (…) e fu proclamato Presidente della neo-costituita Repubblica del Vietnam.

Nel 1956, Cholon fu annessa a Saigon, che fu proclamata capitale della Repubblica del Vietnam (denominata ufficialmente Do Thanh Sai Gon).

Con il ritiro delle truppe americane dal Vietnam, il 30 Aprile 1975 i Viet Cong occuparono Saigon, ponendo fine alla sanguinosa Guerra del Vietnam.

Saigon fu rimoninata Ho Chi Minh City, in onore del leader storico del Partito Comunista, liberatore ed unificatore ded Paese (*)

(*) il nominativo Saigon è comunque tutt’oggi largamente utilizzato, soprattutto dalla popolazione locale

Saigon quando andare

Saigon Vietnam meridionale ha un clima di tipo tropicale monsonico, caratterizzato da due stagioni distinte:

  • Novembre-Aprile, la stagione secca, con precipitazioni ridotte ai minimi termini e temperature diurne nell’ordine dei 30-35°C e ;
  • Maggio-Ottobre, la stagione delle piogge, con 15-20 giorni piovosi al mese e temporali frequenti.

Statisticamente Marzo, Aprile e Maggio sono caratterizzati da un caldo torrido, con temperature che raggiungono i 34-35°C.

Saigon quando andare

Come arrivare | Voli per Saigon

Situato 6-7km a nord dal centro cittadino, l’aeroporto internazionale di Saigon (Tan Son Nhat International Airport, Cod. IATA: SGN) è il principale scalo aeroportuale del Vietnam.

L’aeroporto fu realizzato originariamente dai Francesi negli anni ’30. Successivamente (1956) gli americani ampliarono la struttura, che fu denominata ufficialmente “Aeroporto Internazionale del Vietnam del Sud”.

Durante la Guerra del Vietnam (1959-1975) l’aeroporto di Saigon divenne il principale scalo aereo militare del Vietnam meridionale, utilizzato sia dagli americani che dall’aviazione miliare sud-vietnamita.

Nel 2007 è stato inaugurato il nuovo Terminal Passeggeri.

Alla data attuale, l’aeroporto di Ho Chi Minh City ha una capacità complessiva di 15-17 milioni di passeggeri all’anno.

 Cerca volo Cerca voli per Saigon Vietnam: clicca qui

Saigon come arrivare | Voli per Saigon Vietnam

Facebook | INDOCINATOURS  Instagram | INDOCINATOURS

tour operator birmania | tour operator thailandia | tour operator vietnam | tour operator cambogia | tour operator laos